Nuovo accordo Stato-Regioni

Nuovo accordo Stato-Regioni

luglio 26, 2016 , In: Medico Competente , With: No Comments
1

Il nuovo accordo Stato-Regioni raggiunto in data 7 luglio 2016 regola la materia di sicurezza sul lavoro in particolare riguardo alla durata e ai contenuti minimi della formazione per RSPP e ASPP.

Nel nuovo accordo Stato-Regioni viene trattato anche il tema della formazione del medico competente. In particolare al punto 12.3 si tratta il riconoscimento della formazione del medico competente ed in particolare vengono citati gli articoli del Decreto Legislativo 81/08:

articolo 39, comma 2 lettera cIl medico competente svolge la propria opera in qualità di:  c) dipendente del datore di lavoro.

articolo 37, comma 1: Il datore di lavoro assicura che ciascun lavoratore riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di salute e sicurezza, anche rispetto alle conoscenze linguistiche, con particolare riferimento a: a) concetti di rischio, danno, prevenzione, protezione, organizzazione della prevenzione aziendale, diritti e doveri dei vari soggetti aziendali, organi di vigilanza, controllo, assistenza; b) rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda.

articolo 38, comma 3: Per lo svolgimento delle funzioni di medico competente è altresì necessario partecipare al programma di educazione continua in medicina ai sensi del decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229(N) , e successive modificazioni e integrazioni, a partire dal programma triennale successivo all’entrata in vigore del presente decreto legislativo. I crediti previsti dal programma triennale dovranno essere conseguiti nella misura non inferiore al 70 per cento del totale nella disciplina “medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro”.

Il nuovo accordo Stato-Regioni, seppur svolgendo la propria mansione come dipendente del datore di lavoro, esonera il medico competente sia esonerato dalla partecipazione ai corsi di formazione previsti dal D.lgs 81/08 in virtù della continua formazione a cui è soggetto e per il rapporto di stretta collaborazione con il datore di lavoro e con il servizio di prevenzione e protezione per la valutazione dei rischi.

Comments are closed.